Ristrutturazione del bagno: quale pavimenti posare

0
75

Un intervento che si fa spesso durante la ristrutturazione bagno a Roma è il rifacimento del pavimento. Ci sono diverse tipologie che si possono prendere in considerazione per avere lo stile che vuoi.

I listelli in pvc

Esiste anche un pavimento da posare durante la ristrutturazione bagno a Roma in listelli che però è di plastica pvc. Sulla superfice ci possano esser diverse trame: tinta unita, motivi astratti e l’apprezzatissimo effetto legno che può anche esser colorato, anticato o sbiancato. Questi effetti sul legno vero, fanno aumentare moltissimo il prezzo, ma questo ovviamente non capita con il pvc che è stampato. Se scegli il pavimento in pvc, hai anche il vantaggio di poter andare in appoggio sopra la vecchia pavimentazione senza dover fare opera di demolizione. Devi però considera il fatto che lo spessore del pavimento in pvc può comportare una modifica della porta che va limita sul fondo altrimenti non si apre più.

Il cemento da costruzioni

Se vuoi una cosa originale e di super tendenza allora per la tua ristrutturazione bagno a Roma scegli il cemento. Si usa proprio il cemento per costruzioni anche come pavimento. La base deve esser perfetta senza imperfezioni, inclinazioni e crepe altrimenti dopo il cemento messo sopra come pavimento avrà crepe. Perché diventi perfetto come pavimento lo si liscia e si può avere un finish più opaco ma anche più lucido. È una modalità molto usata oggi per ottenere uno stile moderno, ma con un ottico di rusticità. La sua tinta grigia è adatta a questo tipo di ambiente. Puoi lasciare in cemento anche altre parti, come il muretto in cui sono nascosti i sistemi per i sanitari sospesi a anche la base per appoggiare il lavandino.

Le classiche piastrelle

Non devi per forza utilizzare prodotti originali per il tuo bagno poiché vanno benissimo anche le solite piastrelle. Ci sono piastrelle molto classiche e altre di forme diverse e nuove che possano sempre fare al caso tuo, come quelle esagonali, il mosaico e le rettangolari.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here