La qualità dei siti web? Scarsa!

0
38

E Google cosa pensa del tuo sito?

Molti siti web non riescono a posizionarsi in alto nelle SERP di Google perché non è stato fatto un accurato servizio di ottimizzazione o proprio non è stato fatto.

Come si fa a capire se un sito web è ben ottimizzato?

Gli elementi che Google tiene in considerazione per valutare un sito sono tantissimi, ognuno ha un peso diverso. L’ottimizzazione del sito non è solo relativa al codice html delle singole pagine, ma è relativa alla struttura del sito, alla distribuzione dei contenuti, dei link interni, alla struttura dei titoli e delle URL, alla velocità delle pagine, ecc.

Esistono dei tool, da quelli messi a disposizione da Google a quelli di terze parti.

Per valutare lo stato di salute di un sito è bene evitare il fai da te e rivolgersi a SEO che offrano un servizio di audit SEO Google che permetta di valutare lo stato del sito e di conseguenza le corrette strategie per ottimizzarlo.

L’ottimizzazione fai da te non funziona

Come detto precedentemente esistono vari tool, ad esempio il tool messo a disposizione da Google per valutare le prestazioni di una pagina web. Ottimizzare le prestazioni delle pagine web non è facile, serve uno sviluppatore esperto che sappia dove mettere le mani.

Esistono poi dei tool gratuiti che promettono una analisi del sito producendo un report che ne indica le problematiche. Spesso questi tool non individuano tutti i problemi ed altrettanto spesso indicano come problemi delle cose che in realtà per quel sito specifico non lo sono. Infatti i vari elementi vanno valutati nella specificità del sito e non in maniera generica.

L’ottimizzazione fai da te spesso porta a fare delle modifiche inappropriate che innescano problematiche anche gravi.

Quanto conta l’ottimizzazione fatta bene?

Ogni sito web è una realtà a se stante ed è difficile prevedere esattamente cosa accadrà dopo la messa online delle ottimizzazioni.

Ci sono casi in cui il posizionamento cambia pochissimo perché magari il sito è relativamente nuovo ed ha pochissimi back link, ci sono altri casi in cui il sito ha già una certa anzianità e riceve parecchi back link ma è bloccato dalle varie problematiche che ha e la messa online delle ottimizzazioni può apportare un significativo miglioramento nel posizionamento di molte keyword con un conseguente aumento della visibilità.

L’ottimizzazione si fa una volta sola?

Un sito web va sempre monitorato. Si inizia con una prima ottimizzazione ma poi bisogna monitorare il sito costantemente.

La gestione di un sito web, in particolar modo di un e-commerce, può portare alla nascita di problematiche sempre nuove, per esempio l’eliminazione di una categoria può portare alla presenza di link rotti, la gestione scorretta dei redirect può portare ad avere concatenamenti di reindirizzamenti… A volte i problemi possono sorgere anche con l’aggiornamento di un plugin o con l’inserimento di una nuova funzionalità.

Monitorare il sito ed intervenire tempestivamente ogni qual volta si presenti un nuovo problema è la cosa migliore da fare per evitare che il sito perda inspiegabilmente posizionamenti.